//
stai leggendo...

Ambiente

PERDITE DI PLUTONIO DALLA CENTRALE NUCLEARE DI SALUGGIA

MunchNukeSALUGGIA
28/07/2013

“Dalla vasca ex Eurex uscito anche plutonio”

    
La consigliera Olivero rilancia l’allarme sui sedimenti contenuti nel bacino che potrebbe avere una fessura
di Gloria Pozzo

I risultati delle ultime analisi sui sedimenti contenuti nella vasca Wp719 (quella che si sospetta abbia una fessura) dell’ex Eurex di Saluggia risalgono a fine giugno e provengono sia da Sogin che dall’Arpa:  per la prima volta, oltre alla presenza di americio e stronzio, riportano anche quella di plutonio.

«E’ dunque evidente come l’aver segnalato la cosa mesi fa fosse tutt’altro che un inutile allarmismo. E l’atteggiamento del sindaco, che ha cercato in ogni modo di imbavagliare l’opposizione su questo tema, si dimostra oggi in tutta la sua irresponsabilità. Senza contare che a marzo Sogin ha sostenuto che alla Wp719 non c’era mai stato alcun incidente. Ma è ormai evidente che un incidente c’è stato e che, come ho sempre sostenuto, quella vasca è diventata di fatto un deposito nucleare non autorizzato e non sottoposto ai controlli di un deposito» commenta Paolo Olivero, consigliere di minoranza e la prima a segnalare la scorsa primavera la possibilità di una contaminazione nucleare provocata da una fessura.

Il documento di Arpa si conclude infatti dicendo che «i sedimenti presenti nel WP719, per la loro composizione e le concentrazioni riscontrate dovranno essere gestiti come rifiuti radioattivi». «E’ quindi un dato di fatto – sostiene Olivero – che ora presso Eurex sono aumentati i rifiuti radioattivi da trattare. Inoltre, nelle risposte che ci ha fornito lo scorso aprile, a disposizione anche del Comune di Saluggia, Sogin conferma di essere a conoscenza della presenza di liquidi non sversabili nella Dora fin dal 2008. Questo vuol dire che era a conoscenza anche della presenza del plutonio? Quello che non dobbiamo dimenticare è che questi “nuovi” rifiuti nucleari si trovano in un’area alluvionale fortemente a rischio, la cui criticità deriva però soprattutto dalla falda sotterranea e dal suo innalzamento. Dunque non è vero che il muro di contenimento sia la panacea a tutti i mali, perché il rischio viene dal corso d’acqua che sta a monte degli impianti, parallela alla strada provinciale, e dai fontanazzi».

«Inoltre – conclude Olivero – ora potrebbe essere necessaria una bonifica della vasca: nel frattempo i lavori per Cemex e D2 proseguiranno come nulla fosse, anche se la loro costruzione prevede che il terreno non sia contaminato?».

http://www.lastampa.it/2013/07/28/edizioni/vercelli/dalla-vasca-ex-eurex-uscito-anche-plutonio-XXM9xVNR3psDRAbwToRJ4M/pagina.html

Discussion

No comments yet.

Post a Comment

Argomenti

Online

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N. 62 del 02.03.2001. L'autore (o il sito) non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via mail. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazione nel tempo.